organi

uffici e servizi

ALBO_PRETORIO

URP 

servizi online

SUAP

stat

Centrale Unica di Committenza Arberia

 

BANDI E GARE

Piano dei Pagamenti

 

PP

 

imu-tasi

 

tosap

 

pec

 

imu

 

TARI

E' on line il calcolo del 
della Tari anno 2015.

 IUC

 

IMU-TASI

 

 

 Elenco Siti tematici

 

 

ARCHIVIO_ELEZIONI 

 

CAMBIO RESIDENZA 

AUTOCERTIFICAZIONI



questo sito e' conforme alla legge 4/2004

anno 2003

 

Edizione 2003
Serata Finale Sabato 23 Agosto - Anfiteatro Comunale di San Demetrio Corone (CS)
 
XXII Festival della Canzone Arbëreshe
Manifestazione nata nel 1980 da un'idea dell'avv. Giuseppe D'Amico

 

bullet

EGERT PANO VINCE IL XXII FESTIVAL DELLA CANZONE ARBERESHE - servizio di Gennaro De Cicco

bullet

LE CANZONI VINCITRICI

 

 

 

 

Edizione 2002
Serata Finale Sabato 23 Agosto - Anfiteatro Comunale di San Demetrio Corone (CS)
 
XXII Festival della Canzone Arbëreshe
Manifestazione nata nel 1980 da un'idea dell'avv. Giuseppe D'Amico

XXII FESTIVAL

 

VINCE EGERT PANO CON LA CANZONE MARE NERO

 

San Demetrio Corone.- Si chiama Egert Pano il vincitore della ventiduesima edizione del festival della canzone arbëreshe, svoltosi sabato scorso a San Demetrio Corone in un gremito anfiteatro comunale.

Albanese di Tirana, ma residente a Spezzano Albanese, ha interpretato con bravura la canzone, scritta da lui stesso, Det i zi / Mare nero. Destino amaro di un giovane innamorato, angosciato dal ricordo della sua ragazza inghiottita dalle acque del mare in una delle tante avventurose attraversate dei profughi.

           

“Det i zi o det i turbulluuar / Dua shpejt që vajzen time të më gjesh / Unë këtu në breg të detit jam / Shum dit e natë qe po pres / Oh det i zi / Pse ma fëshen ti?

 

Mare nero, mare torbido / Voglio subito che tu trovi la mia ragazza / Io qui in riva al mare / Molti giorni e molte notti aspetto / O mare nero / perché me la nascondi?

 

Lo stesso cantante si è aggiudicato anche il premio della critica “Giuseppe D’Amico”, compianto patron del festival, e quello per il miglior testo, dedicato al poeta-vate Girolamo De Rada, di cui quest’anno ricorre il centenario della morte.

Al secondo posto  si è piazzata Emiliana Oriolo di Spezzano Albanese con il motivo: “Çë do tash ilëzerat shqëlqien / Alle mie parole le stelle hanno brillato”.

Terza classificata la canzone scritta da Antonella Pelilli e interpretata dal gruppo la Kamastra di Montecilfone (CB): “Ka njeter dhe / Da un altro mondo”.

Per i primi tre posti sono stati assegnati dagli sponsor della manifestazione (Industria Agrimentare Madeo, camiceria Anna Maria Mauro e ditta Francesco Matranga) premi in denaro.

Lo spettacolo, aperto dagli sbandieratori città di Bisignano, è proseguito con le canzoni in gara e si è concluso con il prestigioso intervento dell’artista Franco Azzinari.

Prima delle premiazioni c’e stato uno scambio di doni fra l’Amministrazione comunale e la  delegazione friulana, rappresentata da Walter Cisilino, responsabile ufficio lingue della Provincia di Udine, Anna Borgaro, direttrice mensile bilingue INT e il signor Novello, direttore del gruppo folkloristico.

Tra un gruppo e l’altro di canzoni si sono esibiti i Danzerini di Udine

e Daniela Guzzo con il gruppo Kusherinjet ( I cugini di San Martini di Finita).

Hanno presentato la manifestazione Sonia Gradilone e Alfio Moccia con l’apporto tecnico delle vallette Sonia Curino, Simona Sammarra, Valentina Virgilio, Cesira Bellucci, Cecilia Chinigò, Rosangela Piluso, Anna Madeo e Maria Rosaria Scarpello.

Il pubblico delle grandi occasioni ha potuto ammirare uno spettacolo nello spettacolo. Eccezionale l’ impianto scenografico, realizzato a mano libera da Domenico Meringolo che ha preso spunto da un dipinto a olio del maestro Azzinari (squarcio panoramico su San Demetrio), professionale l’ausilio multimediale, curato da Demetrio Marchianò, Cosimo Mauro e Luigi Arcidiacono e bellissimi i costumi femminili arbëreshe indossate dalle ragazze vincitrici del concorso Miss arbëreshe, organizzato ogni anno dalla Loco di Spezzano Albanese.

Soddisfatti del successo  i promotori dell’iniziativa: l’Amministrazione comunale e l’Associazione festival.

“Il Festival, ha dichiarato il Sindaco, sen. Cesare Marini, è diventato con gli anni non solo la più grande manifestazione, ma il più importante avvenimento culturale dell’Arbëria”.

“Usando il linguaggio della musica,  ha aggiunto uno dei direttori artistici Pasquale De Marco, ha contribuito sia ha rinsaldare i rapporti fra noi arbëreshë sia a crearne dei nuovi, come ha dimostrato il gemellaggio con la minoranza friulana di cui il festival si è reso protagonista”.

Gennaro De Cicco

23 AGOSTO 2003

 

1° POSTO

DET I ZI / MARE NERO

TESTO E MUSICA; EGERT PANO

VIOLONCELLO: PIRO PANO

CANTA: EGERT PANO  - NATO A TIRANA, VIVE A SPEZZANO ALBANESE (COSENZA), STUDENTE AL QUARTO ANNO DEL LICEO SCIENTIFICO

 

Ishim fëmij,

bashkë luanim anës detit

Me rërën, me dallgët e bardha, buzqeshnje ti

Shoqa ime,

më kujtohet kur mblithnje lule

Të pëlqente kuror ti bënje

Mi falnje ti

 

Shkuan shumë vite që atëher

Shoqja ime nuk e di ku je

Dua të shoh të dëgjoj zërin tënd

Thëritmë ti

 

Det i zi, sot më dukesh i turbulluar

Sot më dukesh i egërsuar ç’të keqe më bëre ti

Un’e di oh sa njerës ke ti brënda

Sa jet fëmijsh të pafajshëm, ke fëshehur ti

 

Dua që ti o det të më dëgjosh

Dua që ti o det të më ndihmosh

Dua vajzen time të më tregosh

Ku e fshehe ti

 

Nuk e di ku ti vë kto lule

Në kë cep të detit ti sot po fle

Si një engjëll me krah ti fluturove

Në këtë anë, që kurrë nuk e pe

 

Det i zi o det i turbulluar

Dua shpejt që vajzen time të më gjesh

Unë këtu në breg të detit jam

Shum dit e natë që po pres

Oh det i zi

Pse ma fësheh ti…

 

Të shoh ty

Oj nëne më shami të zezë

Me sytë humour anës detit

Me lot si rëke

 

Cfaj kish

Ajo vajze me kaçurella

E etur për liri e etur për miresi

 

E kto lule i mblodhsa një nga një

Jan të bukura ashtu si ishe ti

I shtrëngoj tek gjoksi i shtrëngoj

Jan vet për ty

Nuk e di ku kam ti vë ktoi lule

Në kë cep të detit ti sot po fle

Si një ëngjëll me krah ti fluturove

Në këtë anë, që kurrë nuk e pe

 

Det i zi o det i turbulluar

Dua shpejt që vajzen time të me gjesh

Unë këtu në breg të detit jam

Shum dit e natë që po pres

 

O det i zi, pse ma fsheh ti

Ku kam ta gjej vajzen time të mir

Tregoma ti

O det i zi

 

Eravamo fanciulli,

insieme giocavamo in riva al mare

Con la sabbia, con le bianche onde, sorridevi,

amica mia.

Mi ricordo quando coglievi fiori.

Ti piaceva farne corone

e regalarmele.

 

Molti anni sono passati da allora,

amica mia, non so dove tu sia,

voglio vederti, ascoltare la tua voce.

Chiamami!

 

Mare nero, mi sembri torbido oggi,

agitato, che male hai fatto?

Io lo so, oh quanta gente hai dentro di te,

quante vite di bambini innocenti hai nascoste.

 

Voglio che tu mare, mi ascolti

Che tu mare, mi aiuti

Voglio la  mia ragazza,

dimmi dove l’hai nascosta.

 

Non so dove posare questi fiori,

in quale angolo di mare tu oggi riposi.

Come un angelo alato sei volata

Da questa parte, che non hai mai visto.

 

Mare nero, mare torbido.

Voglio subito che tu trovi la mia ragazza.

Io qui in riva al mare

molti giorni e molte notti aspetto.

O mare nero,

perché me la nascondi?

 

Vedo te,

madre col fazzoletto nero.

Con gli occhi persi al di là del mare,

con gli occhi pieni di lacrime.

 

Che colpa aveva

quella ragazza riccioluta,

assetata di libertà, assetata di benessere...

 

E questi fiori li ho raccolti ad uno ad uno

Sono belli com’eri tu,

e li stringo forte al petto,

sono solo per te...

Non so dove posare questi fiori

In quale angolo di mare tu oggi riposi.

Come un angelo alato sei volata

Da questa parte, che non hai mai visto.

 

Mare nero, mare torbido.

Voglio subito che tu trovi la mia ragazza,

io qui in riva al mare

molti giorni e molte notti aspetto.

 

O mare nero, perché me la nascondi?

Dove devo trovare la mia buona ragazza?

Dimmelo tu...

Mare nero...

 

2° POSTO

ÇE DO THASH ILËZERAT SHKËLQIEN / ALLE MIE PAROLE LE STELLE HANNO BRILLATO

TESTO E MUSICA: AGOSTINO SOFIS

CANTA: EMILIANA ORIOLO  - SPEZZANO ALBANESE (CS)

 

Thash “zjarri”, e zjarri erdh me buzën tënde

Çë më dogji zëmrën time

E verën më dezi te stomahi, e ju bëra zjarr!

Thash “dheu”, e dheu erdh me kurmin tënd

E kurmin tim më muar

Ju ndërruan e ju bën një jetë e ri, ju bëra dheu!

 

Çë do thash ilëzrat shkëlqien

Nata ju bëri ditë

E gjithë dheu ju ndërrua

Çë kur ti ju bëre mall!

 

Jeta nëng është vet dhe, uj e zjarr

Me ajër ndëç nëng i vë për mbrënda

Një mall

Ku tunden jetën është një dashuri

Si je ti nani

Çë më tunden zëmrën time...

E më bën dhe ujë, ajër e zjarr…

 

Thash “ujë” e ujë erdh me një pikëz lot

E dridhur tek sytë tënde

Atë herë çë më the “të dua” e qe lumturi,

ju bëra ujë!

 

Thash “ajri”, e ajri ju bë fjalë

E fjala ju bë dashuri

E dashuria ju bë jetë, e ju bëra ajri…

 

Çë do thash ilëzrat shkëlqien

Gjithë fjalët ju bën hare

E gjithë dheu ju ndërrua çë kur

Ti ju bëre mall…

 

Zjarri çë djeg! Dheu i fort të bën

Ajri të jep frimën sa të rroç

Ujt të thërreç një pikëz lot

 

Ma jeta dhezet vet

Ndëç i vë për mbrënda

Fuqin e madhe çë ka një dashuri.

 

Është dashuria çë bën jetën

Është dashuria çë vret vdeqen...

 

Ujt e zjarri, dheu e ajri

Janë vetë fjalë

Çë nëng thonë faregjë…

 

Është dashuria…

 

Ho detto “fuoco”, e il fuoco è nato dalle tue labbra

Che mi hanno infiammato il cuore

Ed hanno acceso l’estate, e sono diventato fuoco!

Ho detto “terra”, e la terra è giunta con il tuo corpo

Che il mio corpo ha preso

Mutandosi, essi hanno creato una nuova vita, e sono diventato terra!

 

Alle mie parole le stelle hanno brillato

La notte s’è fatta giorno

E tutto il mondo è cambiato

Da quando tu sei diventata amore!

 

La vita non è solo terra, acqua e fuoco

Col vento scompare se non ci metti dentro un amore

La vita è sospinta da un amore

Che è simile a te che ora

Agiti il mio cuore…

E mi fai diventare acqua, vento e fuoco…

 

Ho detto “acqua”, e l’acqua in forma di lacrima

È scesa tremante dai tuoi occhi

Quella volta che mi hai detto “ti amo” , è stata felicità

E sono diventato acqua!

 

Ho detto “aria”, e l’aria s’è fatta parola

E la parola è diventata amore

E l’amore s’è fatto vita, ed io aria…

 

Alle mie parole le stelle hanno brillato

Ogni parola s’è fatta gioia

E tutto il mondo è cambiato

Da quando tu sei diventata amore…

 

Il fuoco ti brucia! La terra ti rende forte

L’aria ti dà respiro per vivere

L’acqua ti dà lacrime per piangere

 

Ma la vita si accende solo

Se ci metti dentro

La grande forza di un amore.

 

E’ l’amore che crea la vita

E’ l’amore che distrugge la morte…

 

Acqua, fuoco, terra e aria

Sono solo parole

Senza significato…

 

E’ l’amore…

 

3° POSTO

 KA NA NJETER DHE / DA UN’ALTRA TERRA

TESTO: ANTONELLA PELILLI

CANTA: IL GRUPPO LA KAMASTRA – MONTECILFONE (CAMPOBASSO)

 

Ka na njeter dhe na erdhëm uze ktëna,

shkojtëm male e ujë e aj lumë patena.

Ktu arurem na ka kto dhehe lëti,

e nani imi gjaku shprishur.

 

Eravamo come uccelli tutti persi,

eravamo soli e tutti impauriti.
lontano dai fratelli, dalla nostra terra,

siamo ora sangue tutto sparso.

 

Nani imi gjaku shprishur,

imi kater ka mulisi:

Kamarini e Munxhufuni,

Ruri e Portokannuni.

 

Imi arbëreshë neng imi leti.

E ju nëng dot harroni

Ke na thonjën shkipetar,

kimi një zemra e madhë.

 

Ka na njetër dhe na erdhëm uzë ktena,

Albania lërëm pse dishën na vritjën,

zërën shpin jonë edhe grat të tonë

e nani imi gjaku shprishur

 

Nani imi gjaku shprishur,

imi kater ka mulisi:

Kamarini e Munxhufuni,

Ruri e Portkannuni.

 

Imi arbëreshë nëng imi leti.

E ju nëng dot harroni

ke na imi gjaku shprishur

Na imi gjith bashk.

 

Da un’altra terra noi arrivammo qui,

in queste terre straniere,

varcando colline e mare e quel fiume di là.

Siamo ora sangue tutto sparso.

 

 

 

 

 

 

Adesso siamo sangue sparso,

siamo quattro nel Molise:

Campomarino e Montecilfone,

Ururi e Portocannone.

 

Siamo “arbëreshë” e non stranieri.

E voi ricorderete,

che noi siamo “shqipetar”,

abbiamo un cuore grande.

 

Da un’altra terra noi arrivammo qui,

lasciando l’Albania perché volevamo ucciderci,

lasciando le nostre case e le donne,

siamo sangue tutto sparso.

 

Adesso siamo sangue sparso,

siamo quattro nel Molise:

Campomarino e Montecilfone,

Ururi e Portocannoine.

 

Siamo “arbëreshë“ e non stranieri

E voi ricorderete,

che noi siamo sangue sparso

ma siamo tutti uniti.

 

 

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI SAN DEMETRIO CORONE
ASSOCIAZIONE FESTIVAL DELLA CANZONE ARBËRESHE
XXII FESTIVAL DELLA CANZONE ARBERESHE
SAN DEMETRIO CORONE (CS)
22 / 23 AGOSTO 2003

 

PROGRAMMA

 

22 AGOSTO 2003

 

ORE 19,30

 

CONVEGNO SUL TEMA: VETRINA DELLE MINORANZE ETNICHE, LA MINORANZA FRIULANA

 

ORE 21.00

 

SPETTACOLO MUSICALE DEL GRUPPO FOLKLORISTICO: I DANZERINI DEL FRIULI

 

23 AGOSTO 2003

 

ORE 19,30

 

SPETTACOLO LUNGO LE STRADE CITTADINE DEGLI SBANDIERATORI DI BISIGNANO

 

ORE 21.00

 

SERATA FINALE DEL XXII FESTIVAL DELLA CANZONE ARBERESHE

LE CANZONI DEL FESTIVAL SI POSSONO ASCOLTARE SULLE SEGUENTI EMITTENTI:

RADIO ARBERESHE – RADIO LIBERA BISIGNANO - RADIO SHPRESA EUROPA 1

bullet
 
 

 

 

                  © COMUNE DI SAN DEMETRIO CORONE 87069, Via Domenico Mauro 82 Tel. 0984-956003 fax 0984-956966- P.IVA 01103740781

HTML 4.01 Valid CSS
Pagina caricata in : 0.902 secondi
Powered by Asmenet Calabria